chiacchiereCarnevale si avvicina, prepariamo insieme il dolce che lo rappresenta meglio. Voi come le chiamate: chiacchiere, frappe, bugie?

Nella nostra zona si chiamano frappe o chiacchiere, ma sappiamo bene che il loro nome cambia spostandosi anche solo un po’. L’unica cosa certa, però, è che sono il dolce più rappresentativo del carnevale. E visto che ormai è alle porte, non potevamo certo farci sfuggire l’occasione per pubblicare la nostra versione di questa ricetta.

È una ricetta casalinga, che in casa ci tramandiamo di generazione in generazione, per questo ha un valore aggiunto!

Ingredienti:

  • 250 gr di farina
  • 50 gr di zucchero
  • 25 di burro fuso
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di marsala
  • olio per friggere

Su una spianatoia, disporre a fontana la farina. Rompere al centro le uova e, con l’aiuto di una forchetta, iniziare prima a sbattere le uova e poi ad incorporare piano piano la farina. Aggiungere gradatamente anche il burro fuso, lo zucchero e il marsala e continuare ad impastare. Se la pasta dovesse risultare troppo asciutta e dura, aggiungere poca acqua; se fosse troppo molle, aggiungere un po’ di farina.

Quando l’impasto è ben amalgamato, prelevare un po’ di pasta e con un mattarello e stenderla fino ad ottenere una sfoglia molto sottile. Con una rondella, tagliare le chiacchiere della forma preferita, non importa se non sono regolari.

Riempire una pentola con l’olio per friggere e farlo scaldare. Quando è giunto a temperatura, tuffare le chiacchiere. Farle cuocere per qualche minuto, finché non diventano di un bel colore dorato. Farle scolare su un foglio di carta paglia e fare raffreddare.

Terminare la preparazione guarnendole a piacere con zucchero a velo, miele, un po’ di alchermes o cioccolato fuso. Noi andiamo matti per quelle con il miele, ma voi potete guarnire le chiacchiere come più preferite!

Se vi è piaciuta questa ricetta, cliccate Mi piace sulla nostra pagina Facebook Tutta colpa di Masterchef per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità che sforna la nostra cucina!Salva

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.